Non sono molte le aziende grafiche che possono vantare la tradizione e l’esperienza de La Commerciale.

Dal 1945 ad oggi, attraverso quattro diverse generazioni, abbiamo conosciuto ogni fase della moderna tipografia.
Ci siamo sporcati le mani con gli inchiostri e i caratteri di piombo; sperimentato le tecniche di fotocomposizione; utilizzato i primi computer per la videoimpaginazione e la grafica digitale; infine, acquistato i più efficienti macchinari per la stampa offset a foglio, in bobina a tecnica mista e digitale, nonché i migliori software di grafica sul mercato.

La tecnologia e l’aggiornamento professionale sono sempre stati al centro della nostra evoluzione, senza dimenticare la tradizione artigiana del nostro lavoro: la capacità di immaginare la stampa a partire dalla materia, dai colori e dalle forme reali, per garantire qualità e particolari unici, che non hanno eguali e mirano alla perfezione.

Il primo nucleo de La Commerciale fu la piccola bottega che, nel 1945, Cesare Artuffo aprì ad Alba, nella centrale Via Vittorio Emanuele. Nel dopoguerra, Alba era al centro di un territorio estremamente povero sul quale, però, cominciavano ad intravedersi i segni del futuro progresso.

La ripresa economica consentì di lavorare con le maggiori realtà imprenditoriali della zona e, nel 1961 avvenne lo spostamento degli impianti produttivi in Corso Asti, luogo che ancora oggi è la sede della nostra azienda.

Negli anni Settanta Adriano Artuffo, figlio di Cesare, prese le redini de La Commerciale. Nostro padre fu grande innovatore e maestro tipografo, alla cui scuola si formarono moltissimi degli odierni professionisti piemontesi.

Pioniere della fotocomposizione elettronica, rinnovò l’azienda dotandola di tecnologie all’avanguardia e acquisendo importanti clienti dal mondo industriale e vitivinicolo.

Gli anni ’80 segnano il nostro ingresso: Mauro e Paolo Artuffo. È l’epoca dell’avvento dei computer e della stampa offset, della videoimpaginazione e del laser, che rivoluzioneranno il modo di concepire e lavorare sulla stampa.

Abbiamo investito nelle nuove tecnologie trasformandoci in una litografia all’avanguardia, in grado di gestire internamente tutti i processi: dalle lavorazioni digitali ed elettroniche fino alla stampa e la consegna del prodotto finito.

«Quando si trattava di tecnologia noi non ci chiedevamo se conveniva, ma soltanto se ci avrebbe aiutato a fare meglio»

Mauro Artuffo

Nel 1994, la tragica alluvione del fiume Tanaro distrugge gran parte dei nostri macchinari. Un evento catastrofico da cui usciamo con rinnovata energia e voglia di andare avanti.
Macchine e tecnologie vengono riacquistati segnando il definitivo passaggio alla digitalizzazione dei processi di prestampa, implementando le lavorazioni di pregio e nobilitazione degli stampati.

Tra la fine degli anni ’90 e i primi del 2000, ci distinguiamo per la stampa di astucci, packaging, brochure ed etichette autoadesive in bobina, primi nella zona a dotarci di macchine a tecnica mista in grado di ottenere etichette nobilitate da tutte le tecniche di stampa, in unico passaggio.

Negli ultimi anni, la produzione si orienta verso la stampa di etichette di pregio, con utilizzo di materiali particolari, forme e lavorazioni uniche, dall’alto valore aggiunto.

Dal 2014, infine, si uniscono alla squadra Federica, Stefano e Carolina Artuffo: è la quarta generazione di una storia cominciata settanta anni prima dal bisnonno Cesare. È a loro che affideremo il compito di traghettare l’azienda verso le sfide del nuovo millennio.

Certificazione di Sistema di Qualità | DNV-GL
Forest Stewardship Council